Archivi categoria: agricoltura di precisione

Allevamenti intensivi e resto del mondo: una guerra infinita

Da un articolo su RUMINANTIA.IT

Quella che si sta consumando, ormai da molti anni, tra gli allevamenti intensivi e una buona parte dell’opinione pubblica, dei giornalisti e dei medici, sembra una guerra infinita. In vantaggio netto pare che non siano gli allevatori. Per motivi che cercherò di ipotizzare più avanti il “sentiment” collettivo ritiene che i prodotti del latte e la carne rossa facciano male alla salute, che l’allevamento intensivo sia sinonimo di sofferenza per gli animali e che il suo impatto ambientale sia devastante. Da come stanno evolvendo le cose sembrerebbe che le modalità fin qui adottate per contrastare questa reputazione negativa non siano servite a nulla, sembrerebbe anzi che abbiano aggravato le cose. Le indignazioni, le richieste di chiudere le trasmissioni televisive “animaliste”, certe certificazioni di benessere animale, le iniziative di sensibilizzazione per stimolare il consumo di latte e carne rossa e le campagne pubblicitarie naïf hanno forse peggiorato le cose. Per averne la riprova, e senza scomodare i sondaggisti, basta parlare con i medici di qualsiasi disciplina e le fasce più giovani della popolazione per sentire la loro opinione sull’argomento. Tempo fa (29 Novembre 2017) Ruminantia ha organizzato, in collaborazione con l’Ateneo di Perugia, un focus group per capire meglio il fenomeno.

La pandemia di COVID-19, tuttora in corso, ha costretto a casa circa 3.5 miliardi di persone. Questo brusco cambiamento delle abitudini di vita e la frustrazione del constatare come un virus con una dimensione 600 volte inferiore a quella di un capello umano abbia potuto, nell’antropocene, uccidere nel mondo circa 250.000 persone hanno stimolato tante riflessioni.

In molti si aspettano che la fine della pandemia segni un nuovo modo di concepire l’economia, il lavoro e il vivere sociale e personale. Una sorta di dopoguerra, di “day after”. L’umanità si sta lacerando tra l’angoscia dei bollettini giornalieri delle morti e delle nuove povertà da un lato, e la meraviglia nel vedere in quanto poco tempo si possa ripulire l’aria che respiriamo, come la natura si riprenda rapidamente i suoi spazi e quanti valori familiari e sociali siano stati immolati in nome del narcisismo e del profitto, dall’altro.

L’occasione del dopo COVID-19 può essere utilizzata per ripensare l’allevamento degli animali da cibo e il dialogo con la gente.

LEGGI L’ARTICOLO ORIGINALE SU RUMINANTIA.IT

 

E’ arrivato SIMTAP (Simtap: Self-Sufficient Integrated Multi-Trophic Aquaponic Systems For Improving Food Production Sustainability And Brackish Water Use And Recycling”

SIMTAP moves from the IMTA approach towards an innovative self-sufficient integrated multi-trophic aquaponic system (SIMTAP) for small scale, labour-intensive and environmentally-friendly marine fish and halophytic plants production adapted to the typical socio-economic and climatic condition of Mediterranean areas. The main goal of SIMTAP is to define, design, set up and test an innovative food production system that drastically reduce, on one side, the required fish feed inputs (e.g., fishmeal, fish oil, soybean, etc.) and the consumption of resources (water, energy), and, on the other side, the production of waste and pollution, decreasing the Life Cycle impact on the environment of this segment of the food industry. Moreover, SIMTAP can be coupled with the re-use of the effluents from greenhouse soilless cropping systems, in a cascade effect acting both as a bioremediation of wastewater (run-off) from greenhouse cultivations, and as a recycling of the nutrients still contained in the same wastewater, thus helping the SIMTAP cycle. Besides, the water source can be either brackish or marine. Moreover, the project aims to evaluate the effectiveness and performance of SIMTAP systems in terms of food production and use of energy, water and other resources. Life Cycle Assessment (LCA), analysis of energy consumption and emergy assessment of SIMTAP will be performed to quantify and compare the potential environmental impacts with the conventional hydroponic and aquaculture systems. Another crucial issue of this project is the economic assessment: the identification of possible payment streams (e.g. emission certificate, etc.) to realize projects in a bankable form. This action and Life Cycle Cost (LCC) studies will be specifically linked to the technical proposal for achieving reasonable prized solutions for low-medium technological level countries.

Come produrre latte con l’agricoltura sostenibile

 

Buone pratiche che contribuiscono a limitare le emissioni e a preservare e/o accrescere le riserve di carbonio dei terreni utilizzati per produrre foraggi per l’alimentazione dei ruminanti. Queste le linee guida del progetto coordinato dal CRPA.   E ancora, foraggicoltura conservativa e nei territori di montagna.

Leggi tutto l’articolo sull’Informatore Zootecnico

Precision Agriculture Technologies and GHG Emissions

Precision Agriculture Technologies Positively Contributing to GHG Emissions Mitigation, Farm Productivity and Economics

Sustainability 20179(8), 1339; doi:10.3390/su9081339

Agriculture is one of the economic sectors that affect climate change contributing to greenhouse gas emissions directly and indirectly. There is a trend of agricultural greenhouse gas emissions reduction, but any practice in this direction should not affect negatively farm productivity and economics because this would limit its implementation, due to the high global food and feed demand and the competitive environment in this sector. Precision agriculture practices using high-tech equipment has the ability to reduce agricultural inputs by site-specific applications, as it better target inputs to spatial and temporal needs of the fields, which can result in lower greenhouse gas emissions. Precision agriculture can also have a positive impact on farm productivity and economics, as it provides higher or equal yields with lower production cost than conventional practices. In this work, precision agriculture technologies that have the potential to mitigate greenhouse gas emissions are presented providing a short description of the technology and the impacts that have been reported in literature on greenhouse gases reduction and the associated impacts on farm productivity and economics. The technologies presented span all agricultural practices, including variable rate sowing/planting, fertilizing, spraying, weeding and irrigation.

Lab per LCA agro-alimentare

Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati cookie di terze parti per il monitoraggio degli accessi e la visualizzazione di video. Per saperne di più e leggere come disabilitarne l'uso, consulta l'informativa estesa sull'uso dei cookie e sulla privacy al link: https://sites.unimi.it/agrifood_lcalab/privacy-e-cookie/ maggiori informazioni su https://sites.unimi.it/agrifood_lcalab/privacy-e-cookie/

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni alla pagina: https://sites.unimi.it/agrifood_lcalab/privacy-e-cookie/

Chiudi