MARTA LUIGINA MANGINI

Custodire l’invisibile. Scritture scartate, trasformate e nascoste tra Medioevo ed Età Moderna

Dettagli

  • IN
    Scritture nascoste, scritture invisibili.
    Quando il medium non fa ‘passare’ il messaggio.
    Miscellanea internazionale multidisciplinare
  • EDITORE
    Alteritas
  • ANNO
    2020
  • PAGINE
    15

Sinossi

Questa ricerca è dedicata agli eterogenei contesti di reimpiego delle scritture. Fra il medioevo e l’età moderna diversi testi su papiro, pergamena e carta furono oggetto di scarti, trasformazioni e reimpieghi in diverse tipologie di oggetti: abiti (indumenti per bambini, gonne, mantelli, sottovesti, corpetti, accessori e borse, gioielli e corone) imballaggi per cibo e monete, strumenti musicali (viole, organi, tamburi e campane), scarpe, rilegature di libri, ornamenti liturgici (coppe, piviali, orphreys, mitrie), paralumi, o come sostituti dei vetri delle finestre e così via.

Queste scelte, lungi dall’essere una condanna definitiva alla distruzione e all’oblio di diversi manoscritti, hanno invece spesso portato alla rivalutazione del loro supporto fisico e permesso infine la conservazione dei testi scritti su di essi. Supporti di scrittura che ora, grazie a studi interdisciplinari – soprattutto legati alla Paleografia, alla Codicologia, alla Diplomatica e alla Storia dell’Arte – possono essere riportati alla luce.

Iscriviti alla nostra newsletter.

© All rights reserved

Powered by DECO Lite.

Dipartimento di Studi Storici


Milano, 20122
Via Festa del Perdono, 7