Docenti

Simone Bonavita

Simone Bonavita è Professore a Contratto in Trattamento dei dati sensibili per l’anno accademico 2019/2020. Ha conseguito la laurea specialistica in giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi in materia di privacy, nuove tecnologie e indagini digitali e un master (LLM) presso l’Alma  Mater – Università di Bologna, in diritto delle nuove tecnologie ed informatica giuridica.

Simone ha altresì svolto il dottorato di ricerca in diritto e nuove tecnologie (PhD) presso l’Alma  Mater – Università di Bologna, sotto la guida del prof. G. Sartor, con una tesi dottorale relativa al trattamento dei dati nella società iperconnessa.

Concentra la sua attività professionale esclusivamente nel settore del diritto delle nuove tecnologie, occupandosi, in particolare di diritto della comunicazione digitale, privacy e tutela dei dati personali, responsabilità dell’Internet Service Provider, social media governance, gaming e indagini digitali e computer forensics. Offre altresì consulenza nei campi della contrattualistica ad oggetto informatico, del software libero e della privacy by design.

Attualmente è altresì cultore della materia di Informatica Giuridica (prof. G. Ziccardi) presso il medesimo ateneo ed  è stato visiting professor all’European University Institute di Firenze nel 2017

Membro dell’ISLC dell’Università degli Studi di Milano (http://islc.unimi.it/).

Ambra Pacitti

Ambra Pacitti è  affilate Scholar dell’ ISLC – Information Society Law Center, Centro di Ricerca Coordinato in “Information Society Law” dell’Università degli Studi di Milano e cultore della materia alle cattedre di Informatica giuridica (Prof. Giovanni Ziccardi) presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano.

Nello specifico, opera nel campo della protezione dei dati personali e della contrattualistica ad oggetto informatico. Ambra ha studiato all’estero, sia ad Oxford (UK) che a Wroclaw (PL), affrontando, tra le altre, tematiche inerenti al mondo del diritto IT. Da ultimo, ha partecipato, in qualità di mentore, al TechLaw Challenge 2019 organizzato a Londra dalla Society for Computers and Law.

Alessandro Rodolfi

Alessandro Rodolfi,  giurista appassionato di nuove tecnologie applicate a contesti insicuri o problematici,  Fellow dell’ ISLC – Information Society Law Center, Centro di Ricerca Coordinato in “Information Society Law” dell’Università degli Studi di Milano e cultore della materia alle cattedre di Informatica giuridica (Prof. Giovanni Ziccardi) presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano. In qualità di docente fa parte delle commissioni per gli esami e svolge lezioni, seminari, esercitazioni principalmente su tematiche riguardanti privacy, sicurezza delle informazioni, cybersecurity, risk management, digital forensics, whistleblowing. Nell’ambito di altre attività didattiche integrative in cui è impegnato, tiene lezioni ai corsi di perfezionamento post laurea organizzati dalle rispettive cattedre e partecipa al comitato redazionale della rivista scientifica Ciberspazio e diritto.

Tra i soci fondatori di DataConSec, società che si occupa di consulenza in materia di protezione dei dati personali, sicurezza informatica, gestione del rischio e investigazioni digitali, ne ricopre attualmente la carica di Presidente.

Tra i soci fondatori di Whistleblowing Solutions, start up innovativa a vocazione sociale che si occupa di erogare servizi IT, consulenza strategica e formazione in materia di segnalazioni di illeciti o reati effettuati nell’interesse pubblico, ne ricopre attualmente la carica di Presidente.

Tra i soci fondatori e membro del consiglio del Centro Studi Hermes, associazione no-profit impegnata sui temi della trasparenza e della difesa dei diritti umani digitali all’interno della quale è nata la progettazione e lo sviluppo di GlobaLeaks, prima tecnologia al mondo interamente open source per la gestione delle segnalazioni che utilizza tecniche di cifratura e protezione delle informazioni allo stato dell’arte.

Tutte le lezioni sono tenute dal titolare di cattedra il quale potrà avvalersi, per spcecifiche esigenze didattiche, dei propri collaboratori.