MARTA LUIGINA MANGINI

Parole e immagini del perduto Liber instrumentorum porte Cumane (Milano, metà del secolo XIII)

Dettagli

  • IN
    Ianuensis non nascitur sed fit.
    Studi per Dino Puncuh
  • EDITORE
    Società ligure di Storia Patria
  • ANNO
    2019
  • PAGINE
    24

Sinossi

Il contributo presenta l’analisi della coperta floscia di un registro del monastero di Sant’Ambrogio di Milano (1283) recante parole (titolo e indice) e immagini (due stemmi araldici di porta Comasina di Milano e una scrofa semilanuta, creatura leggendaria adottata fino al periodo visconteo quale simbolo fondativo della città di Milano) riferibili a un perduto Liber instrumentorum porte Cumane, databile alla metà del secolo XIII, unico testimone duecentesco della produzione seriale su registro del comune di Milano. Attraverso l’analisi codicologica e storico-istituzionale viene ricostruito il contesto di primitiva destinazione della coperta, si esaminano le scritture e i disegni su di essa visibili e per loro tramite si ipotizza il contenuto e la struttura del liber perduto; infine si individua il momento in cui la membrana è stata prima defunzionalizzata e poi riconsiderata quale materiale anodino da ‘piegare’ a un nuovo scopo tegumentario.

Iscriviti alla nostra newsletter.

© All rights reserved

Powered by DECO Lite.

Dipartimento di Studi Storici


Milano, 20122
Via Festa del Perdono, 7